domenica, settembre 02, 2007

La bomba


E' scoppiata.
In cucina.
Ha distrutto tutto al suo passaggio.
E' arrivata dovunque.
Ha lasciato dietro di sé morti e feriti.
E anche incazzati.
E ora giace anche lei nella spazzatura.
E non avrà nemmeno un degno funerale.
La mia macchinetta del caffè.

16 commenti:

yngnrjnwrrnrynwr ha detto...

Io ne ho fuse a dozzine, anche costosette, di marca, lasciandole per ore sul fornello, ma a tanto non ero mai arrivato, tant'è che pensavo che questi "eventi" fossero leggende metropolitane. Che dire? Congratuleiscion. :D

copyman ha detto...

Porca paletta, per esplodere come hai descritto è necessario che la valvola di sicurezza sia stata guasta oppure otturata.
Giusto per una mia curiosità, era una moka dell'Omino coi baffi?
Dopo un attentato all'incolumità personale e all'arredamento, che sia finita nella spazzatura è il minimo della pena.

andrea palermo ha detto...

ciao annachia'
ben trovata :)
grazie dei commenti

pOpale ha detto...

A me è successo un paio di volte perchè non avevo messo l'acqua. la parte più inquietante è il suono che fa all'inizio

Baol ha detto...

Io non so come è successo a casa tua, quando è successo a casa mia abbiamo ringrazia il cielo che in cucina non ci fosse nessuno, c'era caffè che scolava da tutti i muri e per togliere le macchie abbiamo dovuto ritinteggiare!!!

gigio ha detto...

Ho sempre detto che il caffè fa male.....
E' banale far scoppiare una caffettiera: lo hann ofatto in tanti, vere moltitudini. Io qualche settimana fa sono riuscito a far scoppiare una bottiglia piena di frullato di prugne, proditoriamente fermentato nel frigorifero.... un tocco di raffinata esclusività, se permetti.... ma la cucina è da ritinteggiare lo stesso.....

giuliana ha detto...

ciao Meringa!
in ne ho vista scoppiare una, quando ero ragazzina, e mi ricordo gli eventi in quest'ordine: 1) un fischio da caldaia in pressione; 2) un botto da ferragosto; 3) un silenzio da camera di isolamento in un manicomio criminale; 4) un'apparizione da film horror: mio papà tutto coperto da liquido e polvere neri, e sotto tutto il nero un pallore cadaverico.
altro che leggende metropolitane :)

el Niño ha detto...

ma come ha fatto a scoppiare???
le macchinette da caffé sono storicamente a prova di bomba!!!

LA CONIGLIA ha detto...

ma porc...addirittura? a mio nonno successe perchè aveva pressato il caffè...chissà perchè poi! ben tornata che ancora non te lo avevo detto :)

spiderfedix ha detto...

non ci voglio neanche pensare...è una di quelle cose che piuttosto che mettermi a pulire cambierei casa!!!
tipo quando ti casca la bottiglia dell'olio, o le zucchine in carpione...il caffè ovunque. ho i brividi

Annachiara ha detto...

Per dare una risposta onnicomprensiva: io ho seriamente pensato di chiudermi la porta alle spalle, lasciando marito, figlie e omino coi baffi nella spazzatura. Poi ho contato fino a tre, ho pianto anche qualche lacrimuccia, lo confesso, imprecato quei quattro e poi ho deciso di restare. Certo, non saprò mai com'è il mondo là fuori, ma in compenso ho fatto quelle pulizie che avrei dovuto fare a pasqua....

lei ha detto...

La mia la ruppe il nonnino nostro ospite. Ne vogliamo parlare?????????? Nonni..... tzè!!! ;-)

seamus ha detto...

Mettila così: ora ti ritrovi una cucina pulitissima e le pareti non sono più di quel bianco noioso ma hanno quei velatissi puntini che fa tanto fashion! ;-)

E puoi sempre dire che la nostra è una cucina a prova di bomba!

Greg ha detto...

bè, morto un papa...

Chiara ha detto...

Beh, fai il paio con Mignolo che ieri sera ha lasciato il gas aperto. Meno male che la finestra della cucina era aperta e che io stamattina me ne sono accorta!
Bentornata
Chiara

Annachiara ha detto...

@lei: eh, coi nonni bisogna stare con quattr'occhi così!

@ seamus: certo il puntinato è varicelloso mica tanto fesciòn...

@ greg: piacere di averti qui, greg!

@ chiara: mi sa che sarebbe stato molto più bomba nella tua cucina.....e diciamo che t'ha detto un discreto culo....