venerdì, febbraio 08, 2008

L'Araba Fenice

Io faccio parte degli elettori indecisi.
Di quelli da convincere, insomma.
Di quelli di cui i politici hanno paura.
Di quelli che i sondaggi li fanno campare.

Non è che io sia indecisa per vocazione. Tutt'altro.
Sono indecisa perché delusa, annoiata e senza prospettive.
Diciamo, quindi, che alla mia indecisione c'è rimedio.

Ora io non mi aspetto di pranzare con Veltroni, come invece vuole fare mio cugino, ché Veltroni gli ha pure risposto "vedremo, perché no!" anche se mi sembra che tutto dipenda da quanta gente c'è e soprattutto da chi cucina.
Non mi da' nemmeno particolare affidamento lui, come persona.
Ma il politico deve scindersi dalla persona, mi rendo conto.

Sono indecisa.
Ma una cosa l'ho ben chiara: vorrei che il boomerang del proporzionale tornasse al collo di chi l'ha voluto. Che tranciasse partitini che aspirano solo al compromesso e alla rissa. Che fosse rispettato il volere degli italiani che approvarono il maggioritario anni orsono sebbene una vil legge dannata l'abbia rubato.

E Veltroni sembra reagire a questa impasse.
Sono d'accordo che non è il meglio che ci poteva capitare.
Ma sarebbe veramente la vittoria fenomenale, il riscatto di quella parte di sinistra riformista che si è dovuta attaccare alle promesse prodiane senza purtroppo cavarne un ragno dal buco a causa del vociare indistinto, ma contro, durante tutte le sedute di Camera e Senato.
Persino Caronte avrebbe dovuto cambiar mestiere, in quelle condizioni.

E lui ha avuto l'idea geniale, quella che tutti noi avevamo sulla punta della lingua.
L'ha espressa. E adesso sembra tutto più possibile.
Chissà che attaccandoci alle ceneri dell'Araba Fenice non riusciamo a risorgere per sempre...

13 commenti:

ruben ha detto...

D'altra parte... WE CAN!
Yes, yes...

LA CONIGLIA ha detto...

anche a me sembra il meno peggio...

Seamus ha detto...

E invece... te lo ricordi come salutava Mork?

NANO NANO!

Richie ha detto...

io verrei riuscire a convincere tutti a non andare a votare. un'astensione di almeno il 90%
sarebbe un segnale forte per far capire che siamo stanchi di quella politica, che siamo stanchi di quelle facce.
E' un'utopia.

Besos, Richie

aiellogianluca ha detto...

Non pensare al voto fino al giorno delle votazioni.

Vedrai che l'ispirazione del momento ti aiuterà!

Annachiara ha detto...

@ ruben: sì, certo. poi un po' d'inglese non ha mai fatto male a nessuno. D'altronde questo è il paese in cui la gente dice che sa l'inglese e poi non riesce a spiccicare nient'altro che good morning! ;-)

@ la coniglia: solo il tempo ci potrà rispondere...

@ seamus: tu hai il cervello fritto...

@ richie: secondo me non è nemmeno un'utopia, perché come diceva qualcuno iersera ad annozero, c'è un voto, e il politico se lo prende e se lo porta a casa...purtroppo (o per fortuna) non si eleggono i rappresentanti a maggioranza...e poi sono talmente tutti presuntuosi che nessuno si farebbe, veramente, un esame di coscienza!

@ gianluca: questo mi pare uno sforzo improbo...intendo quello di non pensare al voto...

sonia ha detto...

Risorgere forse è osare troppo... Io mi accontenterei anche di riprendermi un po'!

Nenelinda ha detto...

Mah il meno peggio...io vedo sempre le stesse facce, ormai le parole non mi convincono, servono i fatti, sono tutti li che aspettano di arrivare per poi dividersi la pagnotta, Beppe Grillo ha ragione quando dice che ci vuole gente nuova e giovane a guidare il nostro paese...ma ci sono troppi interessi da custodire come gli stipendi e le pensioni d'oro dei nostri parlamentari. Speriamo bene. Nenelinda.

carla chi ha detto...

Abbiamo alcune puntate di Bob Aggiustatutto in inglese ed il suo motto "Possiamo farcela? Certo che possiamo!" risulta "Can we fix it? Yes, we can!".
Ecco perchè questo motto mi fà un pò ridere.
Comunque, forse, alla fine, mi attaccherò anch'io a questa speranza...

Annachiara ha detto...

@ sonia: forse hai ragione...meglio volare basso!

@ nenelinda: hai ragione, ma ancora oggi vedere quella faccia da rana di Dini che parla di liberalismo mi ha fatto venire la pelle d'oca...

@ carla chi: pippi pippi pippi il tuo nome fa un pò ridereeeeeeee....

pellegrina ha detto...

Io sto con Veltroni... ma più che altro perchè soffro di solitudine...

gigio ha detto...

L'eterno ragazzone ex comunista che ama l'Ammmereca non mi ha mai folgorato sulla via di Damasco. Però in questo momento ha un gran merito: quello di aver sparigliato le carte di un gioco che oramai nauseava la maggior parte degli italiani, quelli che "campano la mesata" come me, insomma. Non so se il suo gioco allo spariglio avrà il successo necessario (che non è la vittoria elettorale!), ma l'inizio è incoraggiante. La probabilità che il Veltronazzo vinca da solo con questa legge elettorale è pari a zero. Ma non me ne frega niente! Vediamo come va il gioco con queste novità. Voglio essere ottimista. E voglio vadere se il "ragazzo" ha ragione a non guardarsi i piedi e l'ombelico, come fa tutta la mandria componente la "casta". (E vediamo se i "castisti" che ancora lo circondano non lo faranno prigioniero....)

Annachiara ha detto...

@ pellegrina: è un po' la morale della favola, no?

@ gigio: sparigliare mi pare la parola chiave. Per il resto, una volta tanto siamo d'accordo su qualcosa. Ma questo dovrebbe più che altro preoccuparmi...