mercoledì, aprile 18, 2007

Sull'utilizzo delle tasse

Io lo sapevo che finiva così.
Lo sapevo che noi donne laureate casalinghe che paghiamo l'ICI in un paesino del cazzo in provincia di Roma, che ci accingiamo ad aumentare il tasso italiano di natalità, a costo di enormi sacrifici, che contiamo gli euri per arrivare alla fine del mese e che siamo nel circolo vizioso del no baby sitter no lavoro, lo sapevo che non avevamo diritto alla scuola materna a tempo pieno per la nostra figlia primogenita.

Io lo sapevo che non serve a niente pagare le tasse.
Fa bene Previti a dichiararlo pubblicamente. Lui che ce li ha di sicuro i soldi per una baby sitter.
Se io smettessi di pagare l'ICI e l'immondizia, forse potrei mandare mia figlia allo Chateaubriand, nel cuore di Villa Borghese, ad imparare degnamente almeno la lingua francese ed emigrare al più presto in quel paese che a me ha insegnato tanto.
Se io continuo a pagare, invece, a cosa ho diritto?
Ho diritto a che qualcuno passi a prendere la mia spazzatura differenziata. E basta.
Quali sono i servizi che mi offre il mio comune?
Nulla. Zero carbonella. Non pulisce manco la mia strada, che pare sia una strada privata.
Almeno l'asilo a tempo pieno per mia figlia pensavo di meritarlo.
Ma pare che la scuola sia dell'obblico solo a partire dalle elementari.
E uno PRIMA che fa?
Smette per SEI anni di lavorare?
E se sì, ovviamente sono io che devo smettere di lavorare per sei anni.
E dopo, che cosa mi ritrovo?
Una figlia di 6 anni a scuola e una di tre ancora a casa, fino a che anch'ella compia 6 anni.
In tutto fa 9 anni.
Allora io smetterò di lavorare per 9 anni.
Diciamo che me ne restano 6.
Tra sei anni ne avrò 43.
Nessuno mi vorrà più.
Non sarò concorrenziale sul mercato.
Non sarò più aggiornata.
Il mio curriculum lo potrò buttare al cesso.
E tirare lo sciacquone.

17 commenti:

livia ha detto...

Baaaastaaaaaaaaaaacostafranciademaronichetantotihainsegnatoaromperelepelotasaltrui!!!!!!! Seamus fallo per me...metti Meringa sul primo volo del menga che parte per scassaparigi e catapultala oltralpe a smarmellare i meringoni francoalgerini!! E poi ti chiedi se la piccola nascitura avrà problemi? CERTO che li avrà, tutti noi avremo problemi e spenderemo soldi (che non abbiamo quindi indebitandoci) per andare dallo strizzacervelli a curarci per aver sopportato questa "nostalghia canaglia" di Paris!! Baaaaasstttttaaaaaaaaaaaaaaaa.

spiderfedix ha detto...

questa livia un po' bruschetta, ma io sto con lei! non li sopporto questi francesi! e sì che io ci sono proprio vicino di casa, per diamine...ma che vadano a quel paese.
detto questo, avremmo da imparare da tante di quelle nazioni che non basterebbero miiiillle blog per elencarle tutte!

Brigida ha detto...

meringhina, ti stanno venedo le crisi esistenziali, la tua coscienza sociale sta insorgendo... insomma, c'hai l'ormone impazzito.
Un uomo la vedrebbe così, fidati.
le donne dicono da sempre che gli uomini ragionano con le parti basse e loro si sono inventati il ciclo (o l'ormone della gravidanza nel tuo caso) per giustificare le nostre paturnie.
Io pure ho paura (post precedente) e sono incazzata nera (post attuale).
Non mi resta che ghignare come un cane arrabbiato davanti alla tv quando c'è ballarò, anno zero, ma pure le iene e farmi qualche manifestazioncina ogni tanto. Per il resto, abbasso la testa... e vivo.

Maurice ha detto...

Meringa, sono con te sulla Francia e Parigi (Livia disprezza perchè non può comperare).
Per il resto hai ragioni da vendere, ma prendila con più calma tanto - come dico a mia moglie - anche se ti incazzi, da sola non risolvi niente e fa male a tutte e due.
Bacio.

gigio ha detto...

Hai ragione ad incazzarti, perchè è incazzandosi che, alla lunga, le cose possono migliorare. Posso garantirti che tante cose sono migliorate moltissimo da quando ero adolescente. Per esempio io bacerei in bocca chi ha inventato l'autocertificazione. Comunque indirizza bene la tua incazzatura, e non limitarti allo sfogo sul blog, che lascia il tempo che trova. Aggiungi una bella e-mail scritta con la tua dialettica potente e ben mirata al sacro sindaco di Sacrofano, dicendo cosa pensi e cosa vuoi da una amministrazione.
Cercare di risolvere la cosa sognando di quanto è figa la Francia... beh, lascia il tempo che trova. In pochi ci crediamo, e comunque non risolve una beneamata ceppa, a meno che non prendi su un treno o un aereo e ti trasferisci direttamente oltralpe, ma una romanofila come te, che chiama la figlia Romana con convinzione tetragona, non lo farà mai. Quindi....

Pure io invidio sempre i groenlandesi, perchè non hanno mai caldo, e io odio e soffro il caldo, ma tanto non andrò mai il Groenlandia, per tanti altri motivi.....

ruben ha detto...

Ma no, in un paese coem l'Italia l'età giusta per cominciare una carriera è proprio dopo i 45... prima sei troppo giovane! Con un repertorio di mummie fra politici e dirigenti, come potrebbe essere altrimenti?
(Io comunque mi tutelo: visto che i Dico sono andati a farsi fottere, continuo nel mio stato di single e mi dichiaro "altamente bisognosa": almeno potrò sfruttare un contributo sul nido...)

livia ha detto...

Io non disprezzo perchè non posso comprare...oggi a Parigi si va con € 9,00 o anche meno...Però basta co sto esaltare gli altri paesi perchè hanno una qualità di vita migliore, un clima migliore (magari la Francia no ma...tanto), i capelli migliori, i vini migliori, i formaggi migliori, i trasporti migliori, le cacche dei cani migliori, le piante migliori, i preservativi migliori, le tasse migliori (ma sempre tasse so), le leggi migliori, i dirigenti migliori (vedi quel fetoso di Platini che c'ha fregato pure sugli europei!) etc, etc, etc.. Chistu noi c'abbiamo, demo da fa i conti co chistu chi! Eppoi, non c'era un proverbio che diceva: non è oro tutto quel che luccica?

pOpale ha detto...

Di la verità vuoi emigrare in Francia perchè ti piace il suono dell'accento sulla lettera finale del tuo nome... Annachirà ;)

Annachiara ha detto...

@ l'avvocato scassamaroni: ecco, sì giusto lo strizzacervelli mi manca. Ma io non ne ho certo bisogno! Ho già te per scontare la mia pena su terra!

@ spiderfedix: la bruschetta in questione è drammaticamente sangue del mio sangue (mia sorella), nonché avvocato scassamaroni. Per fortuna non fa parte del mio asse ereditario (come, a sorpresa, mi ha insegnato proprio lei). Perché altrimenti veramente dovevo premunirmi con un testamento! ;-)

@ brigida: ah, io per anno zero ho risolto. Appena vedo il capello tinto di santoro e quella bocca a culo di gallina della principessa, cambio canale....

@ maurice: eh, io lo so che sei un intenditore!! D'altronde mi piacerebbe sapere se sei mai stato al "Pied de cochon" a Parigi, a Les Halles. Noto per il suo succosissimo piede di porco, io lo apprezzavo per l'insuperabile zuppa di cipolle che con un bel bicchiere di vino faceva l'affare per l'intera serata!

@ gigio: beat'atte! Perché secondo te il sindaco del paesello c'ha la mail?

@ ruben: e brava ruben!

@ l'avvocato scassamaroni: te lo concedo, quella dei capelli migliori era davvero buona! ;-)

@ popale: non sei lontano dalla verità....

Panzallaria ha detto...

qua i francesi non c'entrano...
è l'italia che per sta roba è da vrgogna...

sarà, cara meringa, che sono nella tua stessa situazione e mi sento veramente rabbiosa...

pare che o fai figli o fai carriera.
fanculo!!!!!!

panz

livia ha detto...

Guarda che noi dovremmo andare dallo strizzacervelli per sopravvivere alla tua ansia da mancata "galletta" (ovviamente non intendo quelle di riso!! Te basta che se magna..eh..)!! Ma vabbene lo stesso, sogna pure quanto vuoi che Paris è la città più fica in assoluto e solo per un errore geografico non sta al posto di Roma o viceversa, tanto sempre qui ti scarrocci!

X Seamus: non abbandonare l'idea dell'aereo...credimi...eliminare il problema alla radice (e che radice!!).

Annachiara ha detto...

@ livia: certo che sei strana! Che significa "mancata galletta"? Qualcosa a che fare con i francesi galli? NO perché sei criptica assai....

@ panzallaria: potremmo mettere su un asilo...peccato che stiamo in due città diverse....

andrea palermo ha detto...

quello delle tasse è un argomento che tendo a eludere

giuliana ha detto...

io quoto il commento di gigio. se il sindaco non ha l'email, tanto peggio per lui, subirà una raffica di telefonate al vetriolo.
sulla necessità di scegliere tra lavoro e carriera, temo che non sia solo un problema di nido. quando sono rientrata dalla maternità, insieme ad una collega abbiamo messo su il nido aziendale, che è una vera manna, sia economicamente che psicologicamente. purtroppo però mi sono resa conto che è lo status di mamma a fotterti sul lavoro, non il fatto che tu sia perfettamente organizzata per poter lavroare intanto che tuo figlio è affidato alle cure di qualcun altro. e su questo punto non è la francia, ma i paesi nordici che bisognerebbe guardare, dove le respponsabilità della famiglia sono equamente ripartite fra i due genitori. perchè qui da noi le leggi ci sono (ad esempio il congedo parentale per i papà) ma applicarle, in questo caso, è un disonore. e questo è un problema culturale E politico. buttati in politica, Meringona bella, e così prendi un sacco di piccioni con una fava...

Annachiara ha detto...

@ andrea: eludi eludi...sari più fortunato!

@ giuliana: toh, alla politica non avevo mai pensato....

Labelladdormentata ha detto...

Allora potresti cominciare a pensarci su, mia cara novella Segò!
Il mio voto già lo hai!
e scrivile, quelle letterine a quel sindaco!

Simo ha detto...

Posso solo dirti che qui nel mio paesino in prov di Roma hanno aumentato a dismisura la TARSU, i versamenti per gli asili nido e l'addizionale comunale IRPEF. Purtroppo conosco i soggetti...non mi stupisco.